[2 Novembre 2007] UN MESSAGGIO DI ATTILIO BRUNACCI DAL BRASILE
Attilio Brunacci è un “patito” per le Marche. Per gli emigranti che si orgogliono delle loro origini, esistono sempre giustificati motivi e svariate forme per manifestare il proprio affetto per la terra degli antepassati. Brunacci e i marchigiani hanno anche le loro buone ragioni quando si pensa che le Marche, dolce e bella terra, han dato i natali a nomi illustri e han dato la luce pure a tre Papa, il più famoso dei quali è senza dubbio Giovanni Mastai Ferretti, il lberale Papa Pio IX.
Non è la prima volta che si pubblicano vicende di famiglie di emigranti. Anche in questa grande storia, come in tante altre, verifichiamo che i BRUNACCI, strappati dalle loro origine, dalla loro terra, la piccola Matelica, in Provincia di Macerata, hanno contribuito, con feconda attività lavorativa e decisivamente, al progresso di Poços de Caldas, ridente cittadina situata a 1200 metri di altezza, ai confini fra gli stati di Minas Gerais e San Paolo, nel Brasile.
In questa rinomata cittadina, Stefano Brunacci e Lucia Lorenzetti, marchigiani arrivati in Brasile nel 1896 con i figli Francesco, Tomasina, Ersilia, Angela e Giovanni, han ben creato i loro cinque figli i cui discendenti - come la maggior parte degli emigranti -, senza badare ad inutili presupposti si sono imparentati con altre razze, generando numerose e prolifiche famiglie che, seppur chiamandosi Machado, Silva, Povinski (polonese) o Taguchi (giapponese) si richiamano sempre e con soddifazione alla loro origine italiana. E i discendenti di Stefano e Lucia Brunacci sommano oggi circa più che cinquecento persone.

Per reaffermare il profondo amore che tutta la famiglia Brunacci brasiliana manifesta per la Patria di origine, l’Italia, GRAZIE TANTE!






Realizzazione siti