il Cardinale abolisce l'uso del latino nei Tribunali
 
una curiosità:
il Cardinale abolisce l’uso del latino
e viene bacchettato da Monaldo Leopardi


Nello Stato Pontificio fu abolito in questo periodo l’uso del latino nei Tribunali.
Monaldo Leopardi nella sua autobiografia, scritta nello stesso anno della morte del Cardinale, ci dà la sua opinione personale sull’autore di tale riforma e sulla riforma stessa, ovvero sul nostro Cardinale.
“Danni recati dall'abbandono del latino
Hanno dunque meritato malissimo dalla religione dalla repubblica letteraria e da tutta la società coloro i quali cercarono di sbandeggiare l'uso e lo studio della lingua latina, e fra coloro bisogna purtroppo annoverare il nostro Cardinale Ercole Consalvi Ministro primo e onnipotente nello Stato del Papa per quanto durò il pontificato lunghissimo di Pio VII.
Questo signore ebbe intenzioni buonissime e non gli mancarono talenti e lumi, ma preso dai settatori astutissimi della cabala rivoluzionaria operò comunemente a modo loro senza avvedersene e congiurò con essi involontariamente a danno di quell'ordine e di quelle istituzioni che aveva debito, ragione, e interesse di sostenere.
Fu fra gli errori gravissimi di quel Ministero lo sbandire la lingua latina dal Foro, che tanto importa averla conservata solamente in qualche Tribunale di Roma, ed esclusa da tutti gli altri tribunali e dicasteri dello Stato, e l'avere anche tentato di escluderla dalla scienza medica comandando che le ordinazioni o ricette medicinali si scrivano in lingua italiana.
Queste disposizioni sciocche non hanno recato vantaggio alcuno al popolo, perché in ogni modo gli infermi prendono quello che gli dà il Medico senza essere al caso di giudicare la sua ricetta in qualunque lingua sia scritta, e gli idioti e forse ogni sorta di litiganti si lascia guidare come prima dai suoi Avvocati e Procuratori, i quali in italiano egualmente che in latino difendono la causa come possono e come vogliono, e quando la causa è perduta resta solo al cliente rassegnarsi e pagare.
Al contrario quelle disposizioni recarono grandissimo danno, perché avanti di esse per leggere una citazione, e per toccare il polso di un ammalato, bisognava sapere un po' di latino, che è quanto dire essersi aperta la mente con qualche studio, avere avuta un po' di educazione alla scuola, avere acquistata alcuna familiarità coi libri, essere al caso di consultarli, e stare almeno sulla porta che conduce alle scienze. Oggi però che si entra a fare il causidico e il medico senza passaporto e senza il deposito di capitale veruno scientifico il trattare e il disporre della robba e della vita degli uomini è all'arbitrio di tutti; e il Figlio di un mulattiere qualora si stanchi di condurre i giumenti paterni purché sappia un po' leggere ed abbia tre oncie di temerità è padrone di fare il medico e l'avvocato, e di disporre inappellabilmente della vita, e della robba altrui”.
Monaldo Leopardi sorprende facendoci una previsione, che si avverò in seguito con il Concilio Vaticano II, provocando lo scisma del Cardinale Lefebvre.
Togliendosi poi la necessità di studiare il latino ai medici e alli giurisconsulti ognun vede quanto larga ferita siasi fatta alla coltura della latinità, e se da un altro Segretario di Stato docile, incauto, e intraprendente quanto il cardinale Consalvi si otterrà l'ordine di celebrarsi la Messa in volgare, la lingua latina sarà finalmente spacciata, e per trovare chi intenda il linguaggio della Chiesa e dei Padri non si dovrà più ricorrere a Roma, ma bensì ai Copti e agli Armeni”.





Realizzazione siti